Viterbese: dimenticare Rieti

Domani la Sicula Leonzio, Lopez: “Siamo pronti a ripartire!”

104

Dimenticare Rieti e ripartire. L’obiettivo della Viterbese è chiaro, i gialloblù sono chiamati a reagire dopo la brutta sconfitta del derby di mercoledì. L’occasione per farlo è già in arrivo, domani al Rocchi arriva la Sicula Leonzio, match che inizierà alle ore 15:00 e valevole per la 12° giornata di campionato. Una partita da non sbagliare considerando anche il momento di forma dell’avversario. La squadra siciliana, infatti, ha ottenuto una sola vittoria in campionato, viene da due sconfitte contro dirette rivali per la salvezza come Rieti e Rende e si trova al penultimo posto in classifica. Elementi che hanno portato la società a cambiare la guida tecnica dei bianconeri, affidando la panchina a Giovanni Bucaro, ex Avellino.

La sconfitta di Rieti non è piaciuta a nessuno, in particolar modo alla dirigenza. In settimana, allora, Diego Foresti ha incontrato la squadra per ribadire il concetto. Un confronto importante, caratterizzato comunque da serenità e rispetto visto che i risultati, fino a questo momento, sono stati comunque ottimi. La posizione in zona play-off ne è una testimonianza, 17 punti sono un bottino importante, ma che deve essere aumentato domani. Sulla carta, infatti, quella con la Sicula rimane una partita da vincere, anche se tutte le gare nascondo sempre insidie e il cambio allenatore è una di queste.

Come ogni giornata di vigilia il mister Giovanni Lopez è intervenuto in conferenza stampa per presentare la partita di domani, partendo, però, dall’ultima partita con il Rieti. “Abbiamo smaltito la brutta sconfitta – ha detto Lopez – l’abbiamo analizzata vedendo di aver commesso degli errori importanti. Fa parte di un percorso di crescita, molti errori sono stati dei singoli. Il reparto più in difficoltà e stato la difesa perchè abbiamo preso goal evitabili. Ho analizzato la gara e anche se non sembra abbiamo creato alcune palle goal, correggeremo gli errori. Nella lettura della gara l’avevamo ripresa e da sciocchi dovevamo finire il primo tempo 2-1, il terzo goal invece ci ha tagliato le gambe.”

Una sconfitta che, come detto, ha portato a un confronto interno tra squadra e società. Così Lopez sull’argomento: “Dopo il confronto la squadra l’ho vista benissimo, so cosa la società ha detto e sono cose che rimangono nello spogliatoio. La squadra è serena e pronta per la partita come sempre dopo una legnata.”

Così, invece, sul momento e sulle potenzialità della sua Viterbese: “Ci saranno alcuni cambiamenti perchè la condizione fisica lo impone. In questa squadra c’è tutto, abbiamo tanti giovani e tra mille difficoltà siamo settimi in classifica, piano piano stiamo diventando una squadra importante. I giovani danno e tolgono ed è normale. Ci saranno altre battute d’arresto, con tanti under in campo non si può sperare che le partite vengano gestite. Il primo obiettivo è la salvezza e siamo settimi in classifica, facendo prestazioni di altissima intensità. Possiamo giocare alla pari con il Catanzaro e perdere con il Rieti per tutti questi motivi, bisogna stare tranquilli e avere pazienza.

“Con me non è possibile allentare la tensione – ha continuato l’allenatore gialloblù – chi vede i miei allenamenti sa che non lo permetto. Se un giocatore si allena male lo mando a casa. Besea e De Falco non sono pronti per la partita ma voglio portarli, possono fare uno spezzone. Io sono abituato a guardare in casa propria, noi le partite le prepariamo per giocare contro qualsiasi sistema di gioco. Ovvio che vedo e studio anche l’altra squadra e saremo pronti. Non mi aspetto una Sicula che inizi come ha fatto il Rieti, sicuramente sarò smentito.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui