L’indimenticabile esperienza dell’Erasmus: formazione umana, culturale e di responsabilità civile

Alcune alunne del “Paolo Savi” tornano dall’esperienza del progetto Erasmus: “ Liberté, Citoyenneté, Ecologie “ in Bulgaria.

269
paolo savi

Nell’accogliente città di Belene, studenti provenienti da Italia, Romania, Francia e Spagna si sono confrontati sul tema della salvaguardia ambientale e delle responsabilità umane, trovando nei piccoli gesti quotidiani il contributo che ciascuno può dare. Dall’utilizzo dei mezzi pubblici alla raccolta differenziata, dalla tutela delle specie protette all’uso di materiali biologici e compostabili.

La dirigente scolastica del Paolo Savi, la prof. ssa Paola Bugiotti parla del carattere altamente formativo dell’ esperienza. “Le tematiche ambientali sono oggi molto sentite dai giovani – spiega la Bugiotti – e noi come scuola le promuoviamo, in questo caso inserendole all’interno di uno scambio interculturale”.

Oltre a sperimentare metodologie didattiche diverse, le studentesse si sono confrontate con realtà umane inaspettate: il calore di chi le ha accolte ha contagiato tutto il gruppo, unendo ragazzi di paesi diversi in un’atmosfera allegra e collaborativa; in particolare, gli ospiti bulgari hanno prodigato tutte le loro forze nel progetto, tanto da far sentire gli “stranieri” parte non di un progetto, ma di una grande famiglia, piena di affetto e gioa di vivere.
Inevitabili le lacrime al momento della partenza: lasciare i nuovi amici è stato doloroso, ma l’Istituto si prepara già ad accoglierli l’anno prossimo.

Secondo il vero spirito che caratterizza i progetti Erasmus, infatti, non è importante la meta, quanto le persone che si incontrano. E i ragazzi del Savi hanno imparato bene la lezione!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui