Si susseguono gli episodi di violenza

Sicurezza a scuola. Bugiotti: “Più sinergia tra istituzioni per garantire la tranquillità”

Qualche giorno fa abbiamo sentito la preside dell'Orioli di Viterbo, Simonetta Pachella, Oggi invece parliamo di sicurezza con la dirigente dell'ITE P.Savi di Viterbo, la prof.ssa Paola Bugiotti, di esprimersi sul tema

357

Scuola e sicurezza. Una tematica su cui si è discusso molto nelle ultime settimane. Ma come è la situazione negli istituti del viterbese?

Qualche giorno fa abbiamo sentito la preside dell’Orioli di Viterbo, Simonetta Pachella, che ha sottolineato come debbano essere gli Enti locali – per primi – a occuparsi di controllare e monitorare costantemente la situazione delle scuole.

Oggi abbiamo chiesto alla dirigente dell’ITE P.Savi di Viterbo, la prof.ssa Paola Bugiotti, di esprimersi sul tema.

“Lo sgomento per il grave fatto accaduto nei giorni scorsi in una scuola di Milano, riporta l’attenzione sulle tematiche riguardanti la sicurezza a scuola. Ci si interroga su come si possa dare la massima tranquillità a famiglie ed alunni da questo punto di vista e su chi debba esserne il garante”, dice la Bugiotti.

La dirigente del Savi sottolinea l’importanza di una sinergia interistituzionale.
“Se da un lato il dirigente scolastico ha responsabilità organizzative, è pur vero che devono essergli assegnate le risorse per assicurare il miglior servizio possibile – continua – innanzitutto gli edifici scolastici, che l’ente locale, in quanto proprietario, è tenuto a fornire in condizioni ottimali e questo non sempre accade”.

Un grave ostacolo al mantenimento della sicurezza è la mancanza di personale scolastico e ATA, che dovrebbe essere in numero sufficiente a garantire la vigilanza in ogni momento ed in ogni luogo. “La carenza di collaboratori scolastici è un elemento di forte criticità per le scuole, dove con grande fatica si riesce a stabilire turni sufficienti a coprire tutte le necessità”, spiega Paola Bugiotti.

La scuola, insomma, è chiamata ancora una volta a sopperire ad una mancanza di risorse che sembra essere ormai cronica. Secondo la dirigente scolastica Bugiotti, “soltanto un’inversione di tendenza in questo senso potrà portare a garantire livelli più elevati di sicurezza e di servizi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui